AA_LOGO_V4

CREDITS:
CREATIVE DIRECTOR: ANDREA ALCHIERI
PHOTOGRAPHER CAMPAIGN: ALBERTO PELAYO
PHOTOGRAPHER ASSISTANT: MARCO CERULLO
PHOTOGRAPHER ASSISTANT: GIANLUIGI ESPOSITO RECCHIA
STORYTELLING IMAGES: ANTONIO LABROCA
PORTRAITS AND LOOKBOOK PHOTOGRAPHER: BIANCA BELTRAMELLO
SET AND LIGHTS: ALESSANDRO LENZOLARI
LIGHTING EQUIPMENT: EXIT NOLEGGIO
STYLIST: CHIARA FRANCO
VIDEO DESIGN: NELLO GIORDANO
SOUND DESIGN: NELLO GIORDANO
SET DESIGN AND PROPS: VERONICA FERRARI
ALLOVER VISUAL EFFECTS: FEDERICO TORRETTI
MAKE UP: CARLOTTA MUA
HAIR: GABRIELE MAROZZI
HAIR ASSISTANT: ANTONIA ROMITO

casting:
CARLO GRAVINA – BADD BY MONSTER_MGMT
WANG ZHEXU
NICOLA COLLE – INDASTRIA MODEL MILANO
LORENZO CARTACCI

special shoes:
calzature epoca

location:
spazio arquà

Cinema’s Chorus Seasonless 24/25

La magia ha incantato l’umanità per millenni, evocando terrore, risate, shock e stupore. Un tempo perseguitati come eretici e stregoni, i maghi sono sempre stati dei condotti verso un universo parallelo di possibilità illimitate, che si tratti di invocare spiriti, leggere le menti o invertire le leggi della natura con giochi di prestigio. Molto prima della fantascienza, delle realtà virtuali, dei videogiochi e di Internet, l’arte della magia era il mondo fantasy più potente che l’uomo avesse mai conosciuto. In quanto pionieri degli effetti speciali nel corso della storia, i maghi non hanno mai smesso di confonderci rendendo possibile l’impossibile su palcoscenici dando cosi origine agli effetti speciali cinematografici. Nella collezione “Cinema’s Chorus” del progetto estetico Alchètipo di Andrea Alchieri questa analogia nasce dei tendaggi e dalle sedie in velluto messi al centro dell’attenzione, ma è anche un importante riferimento all’idea alla base della collezione del designer Andrea Alchieri l’alchimia, l’antica arte tra scienza e magia che riassembla frammenti, codici e storie, tutti proiettati su un nuovo orizzonte di senso. Moda e magia, un’attrazione fatale. Per il creativo è un fil rouge che ciclicamente s’inabissa e riemerge nel quale interroga il mondo del cinema surrealista, dove, attraverso il mix di linguaggi, crea un’intero progetto cucito di misteri e bellezza occulta. Il designer sedotto da questo aspetto esoterico, riparte quindi da una delle sue impronte principali con il linguaggio delle stampe allover eccentriche e surrealiste che rievocano trip psichedelici, concepite dallo spunto degli scatti di Ira Choen, fotografo Americano, e ridisegnate dalla Print designer Sharon Bassi per dar vita ad una collezione di capi che evocano un viaggio introspettivo. Nel suo Heritage di collezioni tetre, macabre, al limite della follia, Andrea Alchieri presenta La collezione seasonless 24/25 intitolata “Cinema’s Chorus”, basata sul LIBRO MAGIC TASCHEN di NOEL DANIEL “L’arte dell’incanto”, dove come protagonisti si ispira al mondo degli stregoni tra nero angosciante e colori eccentrici che vanno a ricreare una visione distorta del corpo, tutto questo mandando un messaggio criptico al pubblico legato al mondo dell’oscurità e alle forze del bene in lotta con quelle del male. I suoi trasferimenti al taglio, alla corsetteria, alle stecche protagoniste su rever di blazer decostruiti, ai capelli estremamente fantasiosi ed inquietanti, al trucco eccentrico inspirato ai colori puri delle stampe di collezione hanno definito lo storytelling del progetto presentando cosi una collezione unica in ogni sua forma.